Domenica 21 Aprile 2019
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Cristian Riva

Cristian Riva

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Mi trovi su: Google+

Anello delle Cime di Lemma

Mercoledì, 06 Marzo 2019 00:00
Il cielo è grigio e tutt’attorno non c’è anima viva. Nel silenzio assoluto, il soffiare del vento è l’unico rumore che sento; muove i seggiolini della seggiovia ferma per mancanza di neve che, ciondolando a destra e manca, provocano sinistri cigolii che rendono San Simone una località…

La lingua di neve che porta al Vaccaro

Sabato, 02 Marzo 2019 00:00
Seguo con gli occhi la lingua di neve che ricopre la dorsale sud est del monte Vaccaro; sale sinuosa e disegna la via di salita ma al tempo stesso rivela quanto avaro sia stato l’inverno che volge al termine. Attorno ad essa, infatti, la compatta distesa di…

Monte Duria

Sabato, 11 Agosto 2018 00:00
Saranno loro ad accompagnarci sino alla vetta del Monte Duria: gli ometti di pietre, anzi, viste le loro proporzioni, potremmo benissimo chiamarli omoni, che campeggiano sui numerosi dossi erbosi che a fatica dovremo risalire per raggiungere la base da cui parte la vera ascesa alla meta.

Pizzo Rabbioso e Pizzo di Spino da Bracca

Giovedì, 24 Maggio 2018 00:00
Pizzo Rabbioso e Pizzo di Spino, già il loro nome la dice lunga riguardo queste due cimette che, all’apparenza docili, punteggiano la costiera montuosa che delimita la Valle Brembana dalla Val Serina e a fatica si contendono la quota mille.
I colori verde, bianco e rosso della bandiera italiana, quelli che amorevolmente inseguo nel percorrere un sentiero partigiano in ricordo della ricorrenza del 25 aprile, sono oggi sepolti dall’enorme quantità di neve generosamente caduta nell’inverno appena trascorso. Almeno trenta centimetri di coltre bianca che ammantano tutto quanto…