Giovedì 25 Maggio 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Sentiero Papa Giovanni XXIII - prima parte

Sentiero Papa Giovanni XXIII Sentiero Papa Giovanni XXIII

25 Novembre 1881: nasceva oggi! Poco dopo le dieci di mattina, in una povera casa nella frazione di Brussico in Sotto il Monte, nasceva il piccolo Angelo Giuseppe Roncalli, colui che divenne il duecentosessantunesimo Vescovo di Roma e Papa della Chiesa Cattolica, da tutti ricordato con l’appellativo di “Papa Buono”: Papa Giovanni XXIII.

Quanto sia stato “Grande” questo Pontefice non c’è bisogno di ricordarlo. Sono invece piacevolmente meravigliato di quanto “Grande” lo sia stato anche nella sua giovane età, quando appena undicenne scarpinava a piedi da Sotto il Monte sino a Celana per raggiungere il collegio. Un percorso notevole fatto di ben oltre dieci chilometri che si sviluppa su mulattiere e sentieri, tra fitti boschi di castagni e caratteristici borghi sparsi qua e la all'interno di quel lungo corridoio, fiancheggiato da modesti rilievi montani, che danno vita alla Valle San Martino. Un percorso non certo facile che il piccolo Angelo percorreva per necessità dettate dalla povertà della vita di allora ma non certo per povertà di spirito e forza di volontà. Nell’anniversario della sua nascita, a pochi giorni dall’apertura dell’Anno Giovanneo da parte della Diocesi di Bergamo, mi pare doveroso ricordare la figura di Papa Giovanni partendo proprio da qui, da Sotto il Monte e dalla casa natale di Papa Giovanni, per ripercorrere quel sentiero, oggi a Lui dedicato, che il piccolo Angelo percorreva per recarsi al collegio di Celana. Sarà questa l’occasione, non per raccontare la storia di questo Pontefice (non ne sarei all’altezza) ma per raggiungere la Valle San Martino e percorrerne i più importanti sentieri, forse non troppo conosciuti ma di notevole bellezza, che si sviluppano tra dimenticate contrade, fitti boschi ed ampi pascoli, alle pendici del Monte Canto, del Monte Tesoro, dell’Ocone e della Corna Camozzera dove, infine, concluderò questa serie di escursioni autunnali.

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 25 Novembre 2012
Località di partenza Sotto il Monte Giovanni XXIII
Sentieri utilizzati Indicazioni su pietra in più punti del percorso
Tempi di percorrenza 2 ore circa
Altitudine massima 305 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso Si
Note 1^ parte

{/mooblock}

Descrizione itinerario

Una stele commemorativa posta all'ingresso della Casa Natale di Papa Giovanni XXIII in Sotto il Monte segna l'inizio del Sentiero Papa Giovanni che, nel primo breve tratto, segue di pari passo la strada asfaltata (via Brussico e via Don Bolgeni) che volge verso Carvico. Dopo qualche decina di metri, imbocchiamo a destra la via Lecchetto per piegare subito a sinistra su un tratto di terra battuta che si collega alla via Cave. Al termine di quest'ultima, giriamo a destra imboccando la via Dante Alighieri che seguiremo sino al suo termine ovvero sino a quando incrocia la via Predazzi. Seguendo le indicazioni sentieristiche in località "Malmetida" proseguiamo lungo la strada che ben presto diventerà una larga e comoda mulattiera che comincia a salire fiancheggiando alcuni ruderi di abitazioni.

Poco oltre, sulla nostra destra, troviamo una seconda pietra commemorativa. Proseguiamo salendo con maggiore pendenza sino a raggiungere la località "Mulini" dove, in corrispondenza di una bella cascina ristrutturata prenderemo verso sinistra lo stretto sentiero abbandonando la comoda mulattiera. Si prosegue fiancheggiando bellissimi muri a secco e godendo dell'esteso panorama alla nostra sinistra, sino a raggiungere la località "Alzata" in corrispondenza del bivio con la strada che conduce verso Tassodine. Pieghiamo a sinistra sino a raggiungere il bivio a quattro vie dove imboccheremo a destra la via Alzata e successivamente la via Valle. 

Manteniamoci sulla strada asfaltata che fiancheggia alla nostra destra una estesa coltivazione di viti, sino a quando con leggera salita si raggiunge una santella votiva. Abbandoniamo la strada asfaltata per piegare a sinistra sulla comoda sterrata che man mano si inoltra nel fitto bosco divenendo quasi pianeggiante. Proseguiamo lungo questa mulattiera sino alla località Gavardo dove fiancheggeremo, lasciandolo sulla destra, l'omonimo agriturismo. Nel periodo autunnale questa mulattiere ed i sentieri circostanti sono quasi coperti da ricci e castagne.

Proseguiamo oltre, superando una sbarra di ferro che vieta il passaggio alle autovetture ma ci consente di percorrere quello che ora diviene un classico sentiero montano. Si continua in un ambiente ora più selvaggio, oltrepassando una zona pic nic, sino a sbucare, purtroppo, su un'ampia radura al centro della quale sorge la grigia colata di cemento di una lunga palazzina, forse un Resort, che ha pensato bene di costruire a discapito di ambiente, verde e soprattutto dello storico sentiero di Papa Giovanni XXIII. Vergognoso!

Proseguiamo oltre seguendo le tracce che passano all'estrema destra della radura e fiancheggiano la zona boschiva. Poco oltre, risalito un tratto nel bosco, ci immettiamo nuovamente su un comodo sentiero che discende sino a Pontida ove si conclude la prima parte del Sentiero Papa Giovanni XXIII.

{mooblock=Proposte escursionistiche }

Sentiero Papa Giovanni XXIII - 2^ parte

Sentiero dei Castagni

{mooblock=Cartina }

Sentiero Papa Giovanni XXIII

{/mooblock}

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Note

I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso di salita.

Read 4701 times
Cristian Riva

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Mi trovi su: Google+

Website: www.cristianriva.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Bergamo, my city

  • Parco dei Colli - Via Alle Case Moroni +

    Parco dei Colli - Via Alle Case Moroni Il punto di partenza di questo piacevole itinerario è la chiesetta cinquecentesca di San Sebastiano all’altezza dello slargo con via Read More
  • Bergamo - Via Ripa Pasqualina +

    Bergamo - Via Ripa Pasqualina Apparentemente innocua e dall’aspetto tutt’altro che d'antico viottolo, la Ripa Pasqualina inizia il suo cammino all’incrocio con via Astino, proprio Read More
  • Citta' Alta in una notte di fine estate +

    Citta' Alta in una notte di fine estate Una notte di fine estate. Le vie del centro sono letteralmente invase dal mare di persone che avanza e balla Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Percorsi»Nella fede»Sentiero Papa Giovanni XXIII - prima parte

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie