Mercoledì 26 Luglio 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Malga Lunga e Monte Sparavera

  • Lunedì, 17 Maggio 2010 23:00
  • Written by  Cristian
Malga Lunga e Monte Sparavera Malga Lunga e Monte Sparavera

Dopo la salita al Torrezzo dei giorni scorsi, ritorno nuovamente in quei luoghi che, segnati dai tragici eventi bellici della seconda guerra mondiale e dal trieste periodo del nazifascismo, sono oggi ricordo dell'estremo sacrificio di quei partigiani, quelli della 53^ Brigata Garibaldi "13 martiri di Lovere”, che, scegliendo non a caso come roccaforte la Malga Lunga, sacrificarono la loro vita per la conquista della nostra Libertà e Democrazia.

La storia

Il fatto che questa località godesse di una visuale invidiabile sulle vallate circostanti, garantendo allo stesso tempo un’ottima protezione, ne fece una roccaforte partigiana nel corso della seconda guerra mondiale.

Fu la 53ª brigata Garibaldi “13 martiri di Lovere” (in onore dei tredici partigiani Francesco Bezzi, Giulio Buffoli, Salvatore Conti, Andrea Guizzetti, Eraldo Locardi, Vittorio Lorenzini, Giacinto Macario, Giovanni Moioli, Luca Nilckisc, Ivan Piana, Giuseppe Ravelli, Mario Tognetti e Giovanni Vender, uccisi per rappresaglia il 22 dicembre 1943 a Lovere), guidata da Giovanni Brasi, a prendere il possesso della zona e ad ingaggiare furiosi combattimenti contro i reparti tedeschi e della Legione Tagliamento, forze della repubblica di Salò.

L’apice degli scontri si ebbe il 17 novembre 1944 quando i combattimenti provocarono ingenti danni alle attrezzature ed alle postazioni di entrambi i contendenti. Ma furono i repubblichini ad avere la meglio, complice un’imboscata non segnalata dalla sentinella partigiana e la loro superiorità numerica. Durante i combattimenti, una bomba a mano gettata all’interno della Malga Lunga provocò il ferimento dei partigiani Mario Zedurri (nome di battaglia Tormenta) e del russo Starich. Il tenente della 53ª brigata Garibaldi, Giorgio Paglia, accortosi di avere terminato le munizioni, accettò la resa a patto che questi venissero curati adeguatamente.

Ma la parola data dai nazi-fascisti non fu rispettata, ed i feriti vennero uccisi a colpi di pugnale e l’intera squadra guidata da Giorgio Paglia fu deportata in una località tra Costa Volpino e Lovere. Durante il trasporto a valle, ci fu un tentativo di liberazione dei prigionieri, operato dal comandante Giovanni Brasi (“Montagna”), che però non sortì gli effetti desiderati. Giorgio Paglia (nome di battaglia “tenente Giorgio”), Guido Galimberti ("Barba"), Andrea Caslini ("Rocco"), i russi Semion Kopcenko ("Simone"), Alexsander Nogin ("Molotov") e Ilarion Efanov ("Starik"), furono tutti condannati a morte dopo un processo sommario.

A Giorgio Paglia venne concessa la grazia, a causa del fatto che suo padre Guido era stato un eroe della Guerra d'Etiopia nel 1934. Ma lui, dopo essersi visto respingere per l’ultima volta la richiesta di liberazione di tutti i suoi compagni, rifiutò la grazia adducendo la frase «O tutti o nessuno!», e chiese di essere fucilato per primo.

Era il 21 novembre 1944, e tutti i partigiani vennero fucilati a Costa Volpino.
 
(Fonte: Wikipedia)
 
Letture consigliate:
"Per non dimenticare - Diario di un Partigiano" di Giovanni Berta (per richiederlo contatta Marco Berta)
"53^ Brigata Garibaldi - Tredici Martiri" di Matteo Alborghetti
 

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 18 Maggio 2010
Località di partenza Ranzanico, località Forcella
Sentieri utilizzati 547 CAI
Tempi di percorrenza 2 ore circa
Altitudine massima 1369 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso Presso la Malga Lunga, se aperta
Note Nulla

{/mooblock}

Descrizione itinerario

Raggiunta la Forcella di Ranzanico (percorrendo dal centro abitato la ripida via Cadorna), parcheggiamo l'autovettura ed imbocchiamo il segnavia indicante la direzione del Monte Pizzo (cartello giallo) che, con moderata pendenza, saliti alcuni scalini, si inoltra nel fitto bosco. Si raggiunge brevemente una zona prativa più aperta denominata località Poiana. Seguiamo a destra la strada asfaltata che, divenendo poi sterrata, si inoltra nel verde prato sino a raggiungere una sbarra posta a fianco di una baita rurale. Oltrepassiamola con facilità e, proseguendo verso destra, immettiamoci sulla carrareccia - proveniente da Peia - che seguiremo sino a raggiungere la località Monticelli, a quota 1116 metri di altitudine.

Vetta del Monte Sparavera

Seguendo le chiare indicazioni, saliamo verso destra seguendo la carrareccia ora corrispondente al segnavia 547 CAI. Con comoda andatura, tra verdi pascoli che contornano le pendici del Monte Sparavera ed ampi panorami sul lago d'Endine, raggiungiamo un successivo bivio segnalato da cartelli sentieristici. Risaliamo a sinistra la mulattiera che, allargando ora la vista anche sul Lago d'Iseo, ci conduce ad un'ampia sella con tanto di laghetto. Alla nostra destra una caratteristica baita. Un'altra mulattiera, meno marcata, si stacca e sale a sinistra; sarà la via che seguiremo al ritorno per raggiungere il Monte Sparavera.

Continuiamo lungo la mulattiera principale che comodamente, con leggeri saliscendi, attraversando una splendida pineta e verdi prati, ci porta a raggiungere il Rifugio – Museo Malga Lunga dove il grandioso panorama si estende sul Lago d'Iseo e parte delle Orobie. All'ingresso un cippo ricorda i Caduti Partigiani.

Per raggiungere il Monte Sparavera percorriamo il sentiero a ritroso sino al laghetto, prendiamo a destra la mulattiera che, quasi pianeggiante, ci conduce sino alla località Pozza dei Sette Termini dove sorge un monumento a ricordo del Generale Cadorna. Risaliamo il promontorio lungo il sentiero visibilmente tracciato e raggiungiamo la vetta del monte Sparavera segnata da una caratteristica croce in marmo bianco. La discesa avviene attraverso le ampie zone prative tenendo come punto di riferimento alcuni grossi cumuli di rocce ed un roccolo, con tanto di laghetto, che, raggiunto, passeremo a sinistra per poi imboccare le tracce di sentiero che ci condurranno sino ad un successivo roccolo ristrutturato e, quindi, la mulattiera utilizzata per la salita.

{mooblock=Cartina }

Malga Lunga e Monte Sparavera

{/mooblock}

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Note

I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso di ascesa.

Read 12327 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Bergamo, my city

  • Citta' Alta in una notte di fine estate +

    Citta' Alta in una notte di fine estate Una notte di fine estate. Le vie del centro sono letteralmente invase dal mare di persone che avanza e balla Read More
  • Bergamo - Valverde +

    Bergamo - Valverde Dopo la rigogliosa Valle d’Astino, c’è un altro angolo verde che Bergamo Alta può vantare ed esibire ai turisti dell’Expo, Read More
  • Parco dei Colli - Valmarina +

    Parco dei Colli - Valmarina Proseguo il giro primaverile attraverso il parco dei Colli e riparto, lo avevo già fatto due anni fa in occasione Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Percorsi»Nella storia»Malga Lunga e Monte Sparavera

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie