Sabato 21 Ottobre 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Monte Grignone - Invernale

  • Domenica, 07 Febbraio 2010 23:00
  • Written by  Cristian
Invernale sul Grignone Invernale sul Grignone

La Grigna Settentrionale, più comunemente conosciuta con il nome di Grignone, è la più alta vetta del gruppo delle Grigne, facilmente individuabile anche dalla pianura padana. La sua ascesa nel periodo estivo, nonostante l'enorme dislivello, è considerata una normale escursione mentre nel periodo invernale, con neve spesso ghiacciata, acquista notevoli difficoltà tali da definirla una facile ascensione alpinistica.

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 8 Febbraio 2010
Località di partenza Ballabio, Colle Balisio
Sentieri utilizzati Non indicato
Tempi di percorrenza 4 ore circa
Altitudine massima 2409 metri
Attrezzatura Da escursionismo + ramponi
Difficoltà EE (Escursionisti esperti) - F (Alpinistico)
Acqua sul percorso Presso il Rifugio Brioschi, se aperto
Note Escursione invernale

{/mooblock}

Descrizione itinerario

La premessa è d'obbligo: l'ascesa invernale al Grignone è da effettuarsi con ramponi (ed eventuale picozza) ed in buone condizioni d'allenamento poiché si sviluppa su circa 1600 metri di dislivello. Come sempre va valutato il grado di pericolosità delle valanghe e le previsioni meteo. Esattamente un anno fa, l'8 febbraio 2009, un'enorme valanga si staccò dalle pareti del Grignone e scese a valle sino a sfiorare  la zona del Pialeral. Ecco il video filmato dal rifugista del Pialeral.

L'avvio di questa spettacolare ascensione invernale avviene dalla Valsassina. Pochi chilometri dopo Ballabio, oltrepassato il distributore Tamoil, si imbocca a sinistra la via dei Grassi Lunghi (indicazione per il Rifugio Pialeral) sino a raggiungere, lungo la stretta e tortuosa strada, la chiesetta del Sacro Cuore ove è possibile parcheggiare l'autovettura.

Seguendo le indicazioni per il Rifugio Pialeral, risaliamo la carrareccia che, con costante pendenza, fiancheggia alcune caratteristiche abitazioni rurali per poi stringersi diventando un classico sentiero montano. Raggiunto il fitto bosco di faggi, seguendo le sempre presenti indicazioni, saliamo a zig-zag fino a raggiungere l'Alpe Cova, a quota 1301 metri. Poco oltre , lungo la mulattiera, troviamo il Rifugio Pialeral dove una breve sosta ci consente di ammirare a sinistra il gruppo delle Grigne mentre alla nostra destra il massiccio dello Zuccone Campelli.

Proseguiamo lungo la mulattiera sino ad oltrepassare il piccolo e caratteristico alpeggio. La pendenza si fa ora maggiore e, dall'ampio pianoro alle spalle delle abitazioni, seguendo l'indicazione per la via invernale del Grignone, dirigiamoci verso le baite Comolli. L'ampia visuale introduce quello che ci aspetterà fra poco ovvero la ripida salita sul cosiddetto muro, un pendio con inclinazione dal 35 al 45 %.

Raggiunta la zona dei Comolli, ripreso fiato e adeguatamente rifocillati, calziamo i nostri ramponi e, seguendo l'evidente traccia sicuramente già lasciata da altri escursionisti, iniziamo la salita del tratto più impegnativo. Un tratto ripido con inclinazioni sino al 45 % che, con molta fatica, necessiterà di un'ora abbondante per essere risalito. Ad indicare la via anche alcuni picchetti posti a distanza l'uno dall'altro.

Giunti in cresta la fatica è ampiamente ripagata dallo spettacolare panorama circostante. Procediamo a sinistra verso la cima prestando sempre la massima attenzione poiché da un lato avremo lo strapiombo, con le scenografiche cornici di neve, mentre alla nostra sinistra il ripido pendio. Continuando lungo la panoramica cresta affrontiamo un secondo tratto in lieve pendenza supportato dalla presenza di un cavo metallico ad indicarne la via. In breve raggiungiamo la cima, a quota 2410 metri, sulla quale svetta la croce metallica e, poco più sotto, il Rifugio Brioschi, normalmente aperto in inverno il mercoledì ed i fine settimana ma che, straordinariamente, vista la presenza in vetta del rifugista, era aperto anche quest'oggi. Non male visto che ho potuto riscaldarmi con un ottimo brodo caldo in compagnia del simpatico rifugista.

{mooblock=Cartina }

Monte Grignone in invernale

{/mooblock}

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Note

I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso di ascesa.

Read 7403 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oltre le Orobie HITS

Bergamo, my city

  • Parco dei Colli - Il Sentiero di Ilaria +

    Parco dei Colli - Il Sentiero di Ilaria Non ho mai conosciuto Ilaria Rota. In rete, come pure presso le biblioteche, della sua storia esiste assai poco, solo Read More
  • Bergamo - Sentiero dei Monasteri +

    Bergamo - Sentiero dei Monasteri Due antichi monasteri benedettini, quello maschile di Astino, adagiato ai piedi dell’omonima conca valliva che scende dal versante sud dei Read More
  • Parco dei Colli - Valmarina +

    Parco dei Colli - Valmarina Proseguo il giro primaverile attraverso il parco dei Colli e riparto, lo avevo già fatto due anni fa in occasione Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Sentieri»Oltre le Orobie»Monte Grignone - Invernale

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie