Mercoledì 22 Novembre 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sui monti con uno zaino

Ascesa invernale sul Grignone

Ascesa invernale sul Grignone - La croce di vetta Ascesa invernale sul Grignone - La croce di vetta

Meta gettonatissima in quest’ultimo periodo, meta ambita anche per la croce di vetta totalmente cristallizzata dal ghiaccio, il Grignone, o Grigna Settentrionale, è una cima alla quale è difficile resistere. Un’ascesa alpinistica che si gusta pian piano, soprattutto nel tratto oltre i Comolli, lungo il cosiddetto muro che porta alla cresta sommitale. Qui la pendenza raggiunge quasi i 45 gradi e, gioco forza, sei costretto ad andare a passo lento. Non c’è niente di meglio che questo faticoso slow-motion per gustare i panorami circostanti: a sinistra la Grignetta mentre basta solo girarsi un poco per vedere il Resegone, le Orobie, ed infine il Legnone che chiude questo girotondo di cime.

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 10 Dicembre 2012
Località di partenza Ballabio, colle Balisio
Sentieri utilizzati Non indicato
Tempi di percorrenza 4 ore circa
Altitudine massima 2409 metri
Attrezzatura Da escursionismo + ramponi
Difficoltà EE (Escursionisti esperti) - F (Alpinistico)
Acqua sul percorso Presso il Rifugio Brioschi, se aperto
Note Escursione invernale

{/mooblock}

Descrizione itinerario

Partenza dalla Chiesina del Sacro Cuore, raggiungibile dalla località Colle Balisio di Ballabio, dove, imboccata la via Grassi Lunghi – che poco dopo diviene una carrareccia molto stretta e spesso ghiacciata, possiamo agevolmente parcheggiare l’autovettura. Seguendo le indicazioni per il Rifugio Pialleral, imbocchiamo a piedi la strada sconnessa che, inizialmente pianeggiante, prosegue fiancheggiando alcune caratteristiche baite. Successivamente la strada diviene un classico sentiero montano e, dove questo incrocia con il sentiero della traversata bassa delle Grigne, pieghiamo a destra risalendo nel fitto bosco, sino a raggiungere l’Alpe Cova e quindi il Rifugio Antonietta al Pialleral.

Proseguiamo con moderata pendenza sino a superare l’agglomerato di belle case ristrutturate, per portarci nei pratoni - ora innevati - che ci distanziano dalla Baita Comolli. La salita prosegue senza troppe difficoltà mostrandoci, nel corso del cammino, l’imponente muraglia del Grignone che fra poco dovremo affrontare. Raggiunta la Baita Comolli ed il vicino Bivacco Riva, ci fermiamo per una bella pausa prima di affrontare quello che comunemente viene definito il “muro” ovvero la ripida ascesa che permette di raggiungere la cresta della Grigna settentrionale (Grignone).

Ripartiti dopo la meritata pausa, indossiamo i ramponi e proseguiamo fiancheggiando i diversi paletti metallici che segnano la via invernale di salita e che, sicuramente, poco si discostano dalle tracce lasciate nella neve da altri escursionisti prima di noi. Questo è un tratto che richiede molta pazienza e va affrontato con tutta calma visto che in alcuni punti la pendenza raggiunge anche i 45 gradi. Raggiunta la panoramicissima cresta, abbellita dalle meravigliose cornici di neve che il vento ha disegnato meglio di un’artista, pieghiamo verso sinistra e proseguiamo per la lunga dorsale che in un’altra mezz’ora circa ci porta sino alla croce di vetta, a quota 2409 metri di altitudine, anch’essa ridisegnata dall’opera certosina di vento e ghiaccio. Poco più sotto, troviamo il Rifugio Brioschi che, tutto ammantato dai ghiaccioli lasciati dal Generale Inverno, pare quasi una casa fantasma. Inutile anticipare il panorama dalla vetta del Grignone: immenso e meraviglioso!

{mooblock=Cartina }

Ascesa invernale sul Grignone

{/mooblock}

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Note

I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso di ascesa.

Read 10753 times
Cristian Riva

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Mi trovi su: Google+

Website: www.cristianriva.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 comment

  • Comment Link Fumagalli Romano  Magni Gabriella Giovedì, 13 Dicembre 2012 19:30 posted by Fumagalli Romano Magni Gabriella

    Bellissimo !!!! ma sopratutto .... molto utile
    da "Respira la Montagna" - Cassago Brianza

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oltre le Orobie HITS

Bergamo, my city

  • Bergamo - Sentiero dei Monasteri +

    Bergamo - Sentiero dei Monasteri Due antichi monasteri benedettini, quello maschile di Astino, adagiato ai piedi dell’omonima conca valliva che scende dal versante sud dei Read More
  • Bergamo - Scaletta Santa Lucia Vecchia +

    Bergamo - Scaletta Santa Lucia Vecchia Parte subito gradinata l'antica Scaletta di Santa Lucia Vecchia e, dalla omonima rotatoria che ne segna l'inizio, sormonta la fresca Read More
  • Bergamo - Scaletta delle More +

    Bergamo - Scaletta delle More Partenza da via Dello Statuto, proprio difronte all'ingresso estivo della piscina Italcementi, dove un largo viottolo tutto acciottolato illude una Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Sentieri»Oltre le Orobie»Ascesa invernale sul Grignone

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie