Sabato 21 Ottobre 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Val Codera - Anello di San Giorgio

Val Codera - Anello di San Giorgio Val Codera - Anello di San Giorgio

Tutte le strade portano a Roma, anzi – no! – come insegna lo scrittore Paolo Rumiz nel suo bel libro sull’Appia, tutte le strade partono da Roma. Ma non per quei pochi abitanti di Codera che di strade non conoscono neppure l’ombra. Raggiungibile solo attraverso l’erto sentiero che parte dalla frazione Mezzolpiano di Novate Mezzola, Codera è isolata da Roma, dall’Italia e, quindi, da tutto il mondo intero. Che botep!

Ma raggiungerla costa fatica! Salire a Codera richiede una sudata di almeno un paio di ore lungo la zigzagante mulattiera che si alza, gradino dopo gradino, sino a quando la vallata alpina lascia scorgere in lontananza l’abitato meta dell’escursione. Eppur la Val Codera non si conclude presso l’omonimo villaggio; è ancora lunga, molto lunga, tanto lunga che altre due ore di cammino conducono l’escursionista sino dirimpetto al Pizzo Badile.

Ma non quest’oggi, però! L’arrivo a Codera è già un’appagante traguardo fisico che consente di collezionare poi un giro ad anello che prosegue, attraverso buie e fresche gallerie scavate nella severa roccia, lungo lo storico Tracciolino, una delle più importanti opere di ingegneria della Valchiavenna che, mantenendosi ad una quota costante di circa 920 metri, collega la Val Codera alla Val dei Ratti, altra bellissima vallata all’imbocco della Valchiavenna.

Il villaggio di San Giorgio, che segna il ritorno alla civiltà dopo il trapasso preistorico nelle buie gallerie del Tracciolino, è un panoramico balcone sul Pian di Spagna che anticipa un nuovo zigzagare, quello ripido e selvaggio che scende verso il punto di partenza e fa ritorno ai giorni nostri, lungo quelle caotiche strade che conducono a Roma.

Informazioni sintetiche

Data dell'escursione 8 Luglio 2016
Località di partenza Novate Mezzola, località Mezzolpiano
Sentieri utilizzati Non classificato
Tempi di percorrenza 7 ore circa 
Altitudine massima 950 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso Si
Note Obbligatoria la torcia frontale

Descrizione itinerario

Il lungo anello prende il via da Novate Mezzola. Anzi, per essere più precisi troviamo l’imbocco del sentiero presso l’ampio parcheggio sterrato in località Mezzolpiano, quest’ultima raggiungibile seguendo le indicazioni per la Val Codera dopo aver abbandonato la ex SS36.

2500, 2499, 2498 è il conto alla rovescia degli infiniti gradini che compongono la facile mulattiera che sale ripida, zigzagando nella frescura del bosco, sino alla nostra meta, l’antico abitato di Codera. Non occorre aver fretta e lungo la facile salita conviene pure fermarsi per ammirare il panorama che pian piano si apre alle nostre spalle, soprattutto sotto di noi, sul verdissimo Pian di Spagna ed il lago di Mezzola.

Il sentiero infila i numerosi e stretti tornanti e si alza sino alle poche baite dell’abitato di Avedèe, a quota 790 metri di altitudine, dove, quindi, prosegue con un leggero saliscendi prima di perdere quota e passare sotto una serie di paramassi. Solo ora, osservando verso il proseguire della vallata, possiamo intravedere l’attesa meta, Codera.

Un ultimo tratto di salita e, lasciata a destra la cappella dedicata ai defunti datata 1876, proseguiamo lungo la bella mulattiera che, fiancheggiato a sinistra il declinare del prato, ci introduce tra le prime baite, la chiesa e la casa parrocchiale: eccoci giunti a Codera, a quota 825 metri di altitudine, il paese senza strade che ora possiamo visitare con tutta calma.

Terminata la meritata sosta, riprendiamo il cammino imboccando, nella parte bassa del paese, il sentiero che prosegue verso Cii, Cola e San Giorgio.

Disceso il primo tratto e superato il ponte sul torrente Codera, il sentiero prosegue ancora in leggera discesa ed oltrepassa un secondo ponte, quello sul torrente Ladrogno, prima di riprendere a salire nel fitto bosco.

Raggiunto le poche abitazioni di Cii, proseguiamo in falsopiano sino ad intercettare il Tracciolino e, poco oltre, la deviazione a sinistra per l’abitato di Cola. Proseguiamo diritti lungo il panoramico Tracciolino che, a sulla Val Grande ed il Vallone di Revelaso, prosegue pianeggiante sino alla deviazione a destra per il borgo di San Giorgio.

Lasciamo a destra il sentiero che scende a San Giorgio, lo percorreremo al ritorno una volta visitate le numerose gallerie, e proseguiamo diritti seguendo ancora il percorso del Tracciolino che volge verso la Valle dei Ratti. Poco oltre troviamo la prima galleria, munita di sistema di illuminazione a sensori che però, ahimè, oggi non risulta funzionante.

Muniti dell’obbligatoria torcia frontale o, comunque, di una fonte luminosa, proseguiamo attraversando le successive gallerie, sino al tracciato della vecchia ferrovia a scartamento ridotto (Decauville) che ci immette nell’ultima galleria, la più lunga e di conseguenza la più buia, oltre la quale troviamo la deviazione per la Valle dei Ratti.

Non occorre proseguire oltre e dopo la sosta facciamo dietro front percorrendo a ritroso le numerose gallerie percorsa all’andata. Giunti al bivio per San Giorgio, imbocchiamo a sinistra il sentiero che molto velocemente raggiunge il bellissimo borgo panoramico: le vecchie baite in pietra e la caratteristica chiesetta.

Terminata l’appagante visita, proseguiamo in discesa percorrendo i numerosissimi tornanti della mulattiera che ci condurrà sino alle sottostanti cave e quindi nuovamente alla frazione di Mezzolpiano.

  • Cartina e tracciato GPS

    17.3 km, 07:07:19

  • Album fotografico

  • Note

    I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso ad anello.

Read 2343 times
Cristian Riva

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Mi trovi su: Google+

Website: www.cristianriva.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Oltre le Orobie HITS

Bergamo, my city

  • Bergamo - Scaletta delle More +

    Bergamo - Scaletta delle More Partenza da via Dello Statuto, proprio difronte all'ingresso estivo della piscina Italcementi, dove un largo viottolo tutto acciottolato illude una Read More
  • Bergamo - Sentiero dei Monasteri +

    Bergamo - Sentiero dei Monasteri Due antichi monasteri benedettini, quello maschile di Astino, adagiato ai piedi dell’omonima conca valliva che scende dal versante sud dei Read More
  • Parco dei Colli - Città Alta +

    Parco dei Colli - Città Alta Imboccata la via Bartolomeo Colleoni, una stretta via animata di negozi e botteghe, giungiamo sino a piazza Vecchia definita dal Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Sentieri»Oltre le Orobie»Val Codera - Anello di San Giorgio

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie