Martedì 22 Agosto 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Ciaspolata in Val Terzera

Val Terzera Val Terzera

La primavera è già alle porte ma, contrariamente al solito, il finire dell'inverno mi vede ancora molto affezionato alle ciaspole ed entusiasta di percorrere nuovamente qualche divertente saliscendi nevoso. Difficile staccarsi da quel magico ambiente che le abbondanti nevicate han modellato smussandone gli spigoli ed addolcendone i profili.

Devo esser svelto, però! Immagino già il rinvigorirsi dei torrenti che scendono a valle e le baite sommerse che cominciano a sbucare oltre la coltre bianca. Immagino già primule, bucanevi e crocus che si fan largo dove la neve comincia la sua ritirata. Mentre tutto si scioglie.

Bè, in Val Terzera c'è ancora tanta di quella neve che la primavera si respira solo nel tiepido venticello che soffia sul paesaggio completamente innevato. Le baite dormono ancora sotto l'enorme peso della neve e neppure lo gnomo in legno che sorveglia la baita Costa Piana se la sente di far capolino.

Informazioni sintetiche

Data dell'escursione 14 Marzo 2014
Località di partenza Mezzoldo, località Rifugio Madonna delle Nevi
Sentieri utilizzati 115 CAI   
Tempi di percorrenza 4 ore circa 
Altitudine massima 1700 metri circa
Attrezzatura Da escursionismo + ciaspole
Difficoltà EAI (Escursionismo in Ambiente Innevato)
Acqua sul percorso Si
Note Nulla

Descrizione itinerario

La ciaspolata segue, a larghe spanne vista l'abbondanza di neve, il medesimo percorso del sentiero delle Casere e, quindi, prende il via appena prima del Rifugio Madonna delle Nevi in Mezzoldo. Oltrepassato il primo ponte sul torrente, ci inoltriamo nel pianoro innevato denominato “pià dè la rasga”. Lasciato a destra un secondo ponticello, attraversiamo quello successivo e, seguendo le indicazioni apposte su un tronco d'albero, iniziamo la salita attraverso il bosco.

Giunti all'incrocio con la soprastante mulattiera, che coincide con il segnavia 115 CAI, la seguiamo verso sinistra ora con moderata salita attraverso un ambiente molto più aperto. Una volta raggiunto un altro ampio pianoro, attraversato nuovamente un torrente, pieghiamo a destra risalendo un altro breve tratto in marcata pendenza sino a dove la Val Terzera inizia la sua apertura verso il Monte Cavallo.

Poco oltre, tra dossi nevosi che si alternano in continuazione creando un paesaggio davvero fiabesco, eccoci giunti presso la Casera Terzera, a circa 1500 metri di quota. Proseguiamo ancora un tratto oltre la baita a seconda delle condizioni della neve e quindi pieghiamo nettamente a sinistra al fine di raggiungere, appena visibile nell'abbondante coltre nevosa, il ricovero animali.

Proseguiamo verso sinistra con un lungo traverso e, non appena possibile, risaliamo a destra sino a raggiungere un soprastante pianoro ove è ubicata la seconda casera, quella di Costa Piana.

Il panorama già gratificante, dopo aver messo a tacere ogni stanchezza, esorta ad una lunga sosta contemplativa su tutto l'arco orobico fatto dalle vette del monte Cavallo, della cima Siltri ed a seguire dei monti Fioraro e Segade, per concludere con i più lontani monti di Ponteranica e del Valletto.

Dopo la meritata sosta, valutate ancora una volta le condizioni dei vicini versanti innevati, possiamo proseguire oltre la baita Costa Piana e scendere, poco oltre, verso sinistra sino a penetrare nella fitta boscaglia. Continuiamo trasversalmente, pressoché in falsopiano, sino a sbucare nuovamente in un'ampia distesa aperta, appena prima dei ripidi versanti della cima Siltri, dove, immersa quasi totalmente nella bianca neve, troviamo l'omonima casera.

Non conviene proseguire oltre a causa del pericolo di scariche nevose dai ripidi versanti montani di destra che, volgendo a sud-est, sono ora baciati dal caldo sole. Possiamo quindi decidere di tornare indietro e percorrere a ritroso il sentiero di salita oppure, molto più facilmente ma completamente fuori sentiero e pertanto con la necessità di avere senso dell'orientamento, possiamo scendere a valle lasciando a destra la casera Siltri. In quest'ultima ipotesi, nuovamente tornati nel fitto del bosco, non dobbiamo far altro che scendere a larghi zig zag sino a valle e al sottostante fiume Brembo di Mezzoldo che, fiancheggiato sulla sponda sinistra orografica, ci condurrà sino alla piana“pià dè la rasga”.

  • Cartina e tracciato GPS

    6 km, 03:29:42

  • Album fotografico

  • Note

    I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso di ascesa.

Read 3460 times
Cristian Riva

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Mi trovi su: Google+

Website: www.cristianriva.it Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con le ciaspole HITS

Bergamo, my city

  • Bergamo - Scaletta dello Scorlazzone +

    Bergamo - Scaletta dello Scorlazzone E’ tra le più faticose Scalette di Bergamo. Non solo a causa dei suoi ripidissimi 162 scalini che si alzano Read More
  • Bergamo - Scaletta Fontanabrolo +

    Bergamo - Scaletta Fontanabrolo La leggera stradetta asfaltata che quasi pianeggiante si stacca da via dello Statuto non deve trarre in inganno. Poche decine Read More
  • Bergamo - Scaletta delle More +

    Bergamo - Scaletta delle More Partenza da via Dello Statuto, proprio difronte all'ingresso estivo della piscina Italcementi, dove un largo viottolo tutto acciottolato illude una Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Sentieri»Sulla neve con le ciaspole»Ciaspolata in Val Terzera

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie