Venerdì 23 Giugno 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Ciaspolata su Aralalta e Pizzo Baciamorti

  • Domenica, 11 Gennaio 2009 23:00
  • Written by  Cristian
Ciaspolata su Aralalta e Pizzo Baciamorti - Il pizzo Baciamorti Ciaspolata su Aralalta e Pizzo Baciamorti - Il pizzo Baciamorti

Una vetta non particolarmente elevata quella del monte Aralalta la cui cresta si confonde con il vicino Pizzo Baciamorti ma che, per la sua peculiare posizione geografica, è un invidiabile balcone sulle più importanti vette orobiche e non solo. Lungo il percorso potremo infatti godere dell’immensità dei “vicini” Venturosa e Cancervo, del Resegone e delle Grigne, e, giunti in vetta, della maestosità del Pizzo Tre Signori, del Sodadura, dell’Arera, del Disgrazia ed oltre.

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 12 Gennaio 2012
Località di partenza Taleggio
Sentieri utilizzati 120 CAI
Tempi di percorrenza 4 ore circa (tempo indicativo di salita)
Altitudine massima 2009 metri
Attrezzatura Da escursionismo + ciaspole
Difficoltà EAI (Escursionismo in Ambiente Innevato)
Acqua sul percorso No
Note Nulla

{/mooblock}

Descrizione itinerario

Solitamente il punto di partenza di quest’escursione è la località dei Piani di Quindicina (1330 mt.) che raggiungiamo girando a destra una volta giunti alle porte della frazione di Pizzino in Taleggio (930 mt.). Purtroppo le condizioni d’innevamento non hanno permesso di percorrere quei tre kilometri circa di strada carrale, e soprattutto quei 400 metri di dislivello, che dividono i Piani di Quindicina dalla frazione di Pizzino ove quindi ha inizio la ciaspolata.

Calzate le ciaspole seguiamo pertanto la strada carrale che, passando dalla località Areghiglio, segue verso i Piani di Quindicina ed imbocca a sinistra il segnavia 120 CAI. Seguendo il sentiero in lieve pendenza, solitamente già battuto da scialpinisti e ciaspolatori, raggiungiamo a breve la Baita di Foppa Lunga (1560 mt.) posta in un’aperta zona pascoliva. Già da questa posizione è possibile ammirare l’imponente versante bergamasco del Resegone.

Risaliamo ora verso destra sino a raggiungere gli immensi ed aperti Piani d’Alben da dove è possibile ammirare i colossi del Cancervo e del Venturosa ma anche le principali vette orobiche. In breve raggiungiamo il già visibile Rifugio Gherardi (1650 mt.), solitamente aperto in inverno nei fine settimana, dove, approfittando di una breve sosta, possiamo contemplare i massicci del Resegone e delle Grigne, i Piani di Artavaggio ove sorge il visibile Rifugio Cazzaniga, poco più a destra il Sodadura mentre alla nostra destra la meta: il Monte Aralalta ed il Pizzo Baciamorti.

Ciaspolando con comoda andatura e lieve dislivello proseguiamo alle spalle del Rifugio Gherardi ed in pochi minuti raggiungiamo il rifugio, dall’inconfondibile colore rosa, intitolato a Cesare Battisti (1685 mt.).

In condizioni favorevoli il sentiero prosegue alla destra dell’ex Cesare Battisti attraversando a mezza costa un canalone detritico nel quale occorre fare particolarmente attenzione, seppure recentemente sistemato. Le condizioni d’innevamento però non permettono di proseguire in tal direzione e, seguendo ancora la traccia già battuta, oltrepassiamo, non con poca fatica, la ripida altura alle spalle dell’ex Rifugio Cesare Battisti che, passando tra pini mughi e lungo una sottile cresta, ci permette di raggiungere la Baita Regina e quindi la Bocchetta Regadur (1853 mt.).

Proseguendo lungo un pianoro che ci consente di riprendere fiato, raggiungiamo la Baita Cabretondo (1869 mt.). Seguendo un andamento a zig-zag, risaliamo ora la spalla del Monte Aralalta e, con ripida pendenza e non poca fatica, passando lungo un tratto in cresta, raggiungiamo la vetta (2006 mt.). Continuiamo per un altro centinaio di metri circa e raggiungiamo la vetta del Pizzo Baciamorti (2009 mt.) dove la Madonnina del C.E.A. ci farà compagnia nell’ammirare un panorama che sembra non avere confini.

Purtroppo è già ora di ritornare...

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Note

I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso di ascesa.

Read 7934 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con le ciaspole HITS

Bergamo, my city

  • Parco dei Colli - Città Alta +

    Parco dei Colli - Città Alta Imboccata la via Bartolomeo Colleoni, una stretta via animata di negozi e botteghe, giungiamo sino a piazza Vecchia definita dal Read More
  • Bergamo - Scaletta delle More +

    Bergamo - Scaletta delle More Partenza da via Dello Statuto, proprio difronte all'ingresso estivo della piscina Italcementi, dove un largo viottolo tutto acciottolato illude una Read More
  • Bergamo - Via Ripa Pasqualina +

    Bergamo - Via Ripa Pasqualina Apparentemente innocua e dall’aspetto tutt’altro che d'antico viottolo, la Ripa Pasqualina inizia il suo cammino all’incrocio con via Astino, proprio Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Sentieri»Sulla neve con le ciaspole»Ciaspolata su Aralalta e Pizzo Baciamorti

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie