Domenica 22 Ottobre 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Anello di Cima Pare'

  • Lunedì, 27 Febbraio 2012 23:00
  • Written by  Cristian
Anello di Cima Parè - La dorsale Anello di Cima Parè - La dorsale

Ciò che più mi piace di questa modesta cima è il colore giallo intenso dell'erba che la ricopre quasi interamente. Un contrasto di colori che alternandosi al marcato blu del cielo crea un perfetto dipinto d'autore. Risalirne obliquamente i dolci pendii, magari accarezzato dal tiepido vento che riscalda questo mite inverno, mi fa tornare indietro nel tempo quando, giovanissimo e certamente incosciente, scorrazzavo con gli amici non lontano da casa, in campi di grano dello stesso color giallo. Bei tempi!

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 28 Febbraio 2012
Località di partenza Rovetta
Sentieri utilizzati Non classificato
Tempi di percorrenza 3 ore e mezza circa
Altitudine massima 1760 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso Si
Note Percorso ad anello

{/mooblock}

Descrizione itinerario

L'escursione, che seppur lunga (circa 13 km.) e di considerevole dislivello (circa 1100 mt.) non presenta particolari difficoltà ma richiede solo un minimo d'allenamento, prende il via dalla sede degli Alpini di Rovetta e segue, almeno per il tratto iniziale, la mulattiera per la Cima Parè. Oltrepassate alcune baite e tralasciate le indicazioni per altri luoghi, raggiungiamo il cartello con l'indicazione per le Stalle di Parè (cartello a destra). Pertanto, abbandonata la monotona mulattiera, pieghiamo a destra inoltrandoci nel fitto bosco. Il sentiero, a tratti ripido e con diversi zig zag, risale poi un ampio canalone che sbuca infine tra gli ampi spazi aperti ove sorgono le caratteristiche baite di Parè. Un luogo veramente piacevole che predispone alla tranquillità e dove è possibile ammirare l'ampio versante versante sud della nostra meta interamente ricoperto da un manto erboso, giallo quasi color dell'oro, che lo fa apparire come un immenso campo di grano.

Particolare dell'erba Ripartiti dopo una breve sosta, proseguiamo lungo la mulattiera che dolcemente ci permette di raggiungere un'ultima baita più isolata. Proseguiamo ora lungo il sentiero che si alza leggermente per poi piegare nettamente a sinistra. Da questo punto possiamo, con una brevissima deviazione, raggiungere il vicino Cornetto di Parè (a destra del sentiero), ottimo balcone panoramico sulla zona delle baite.

Ripreso il sentiero principale e tralasciata a destra la traccia che prosegue verso il Corno dell'Orso e la località Roncada, proseguiamo lungo il sentiero che attraversa un bel bosco di betulle e si alza obliquamente verso sinistra sopra la zona delle baite di Parè, sino a raggiungere un punto piuttosto esposto a sinistra dal quale possiamo ammirare dall'alto l'abitato di Rovetta. Appena oltrepassato questo breve tratto esposto, pieghiamo nettamente a destra per imboccare il “sentiero delle vipere” che, con un lunghissimo traversone che taglia obliquamente le pendici del monte Parè, ci permette di raggiungere la panoramica cresta.

Non resta altro che piegare a destra e seguire la facile cresta sino a raggiungere la vicina vetta del Monte Valsacco, a quota 1760 metri, dalla quale possiamo ammirare piacevolmente la parete sud della Presolana e gran parte delle principali vette orobiche. Ripartiti dopo la meritata sosta, ripercorriamo a ritroso il tratto di cresta appena risalito. Tornati al punto in cui il “sentiero delle vipere” sbucava in cresta, proseguiamo lungo quest'ultima e seguiamola sino a raggiungere la non lontana cima Parè, a quota 1642, ove ad attenderci non ci sarà la solita amatissima croce ma anche un ingegnoso sistema di tubi che ci consentirà di individuare molte delle principali vette delle Orobie.

Dopo aver lasciato la propria firma o un breve pensiero sul libro di vetta, riprendiamo il cammino proseguendo lungo la cresta che, ora in marcata discesa, ci consente di osservare, sul fondovalle di destra, il piccolo abitato di Valzurio e la tortuosa strada che lo collega ad Oltressenda Alta. Il sentiero prosegue poi su ampie distese erbose che caratterizzano questo tipo di monte, sino alla Cappelletta degli Alpini e quindi alla Cima Blum. Il ritorno al punto di partenza avviene continuando in discesa lungo la mulattiera che porta sino a Rovetta.

{mooblock=Cartina }

Cima Parè

{/mooblock}

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Note

I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso ad anello.

Read 6566 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Bergamo, my city

  • Bergamo - Scaletta dello Scorlazzone +

    Bergamo - Scaletta dello Scorlazzone E’ tra le più faticose Scalette di Bergamo. Non solo a causa dei suoi ripidissimi 162 scalini che si alzano Read More
  • Bergamo - Scaletta delle More +

    Bergamo - Scaletta delle More Partenza da via Dello Statuto, proprio difronte all'ingresso estivo della piscina Italcementi, dove un largo viottolo tutto acciottolato illude una Read More
  • Bergamo - Scaletta Santa Lucia Vecchia +

    Bergamo - Scaletta Santa Lucia Vecchia Parte subito gradinata l'antica Scaletta di Santa Lucia Vecchia e, dalla omonima rotatoria che ne segna l'inizio, sormonta la fresca Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Sentieri»Sulle Orobie»Anello di Cima Pare'

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie