Lunedì 25 Settembre 2017
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Val Vertova e Bivacco Testa

  • Mercoledì, 14 Aprile 2010 23:00
  • Written by  Cristian
Val Vertova e Bivacco Testa Val Vertova e Bivacco Testa

Percorrere la lunga e tortuosa Val Vertova, una delle tante piccole vallate bergamasche tributarie della ben nota Val Seriana, soprattutto dopo aver abbandonato la trafficata strada provinciale 35 che parte da Bergamo, è come immergersi d'improvviso in un angolo di paradiso. Cascate e cascatelle, con ruscelli più o meno grandi, forre e marmitte dei giganti modellate dalla forza dell'acqua, severi ed inaccessibili pareti rocciose ma anche dolci pendii e verdi prati e pascoli sono gli ingredienti principali di quest'escursione che, a stretto contatto con la natura, ci condurrà sino al bivacco Testa, sotto i contrafforti del Monte Alben.

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 15 Aprile 2010
Località di partenza Vertova
Sentieri utilizzati 527 - 530 - 528 CAI
Tempi di percorrenza 3 ore e mezza circa
Altitudine massima 1490 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso Si
Note Nulla

{/mooblock}

Descrizione itinerario

Il guado del torrente

Il punto di partenza è situato alle spalle dell'abitato di Vertova dove, poco oltre il Circolo della Valle ed il Ristoro del G.A.V., percorso un breve tratto di strada sterrata, è possibile parcheggiare l'autovettura. Oltrepassata una sbarra metallica, imbocchiamo la comoda e larga mulattiera del segnavia 527 CAI che, pressochè pianeggiante, costeggiando il limpido torrente, che in più punti dovremo guadare saltellando su cubi di cemento, ci immerge nel fantastico e naturale orrido, ricco di marmitte dei giganti e spettacolari cascate come quella, poco oltre la Corna di Caai, denominata Val de Grue. In questo primo tratto troveremo sul sentiero diversi pannelli informativi e caratteristici cartelli in legno che segneranno i punti più particolari del percorso naturalistico.

Dopo mezz'ora abbondante di facile camminata, il sentiero si alza a sinistra e, allontanandosi dalla mulattiera e dal torrente, diviene un classico sentiero montano, mai troppo ripido. Dopo alcuni saliscendi nel bosco, e passaggi lungo l'alveo del torrente ove questi diviene magicamente privo d'acqua, raggiungiamo la zone delle sorgenti. Continuiamo con comoda pendenza lungo il segnavia 527 CAI sino a giungere al cosiddetto Canalì, un ripido canale roccioso che con numerosi zig zag ci permette di prendere velocemente quota.

Bivacco Testa

Poco oltre raggiungiamo una zona più aperta e pianeggiante: la conca Sedernel. Proseguiamo quindi lungo un ripido ghiaione che in breve ci conduce sino alla caratteristica baita Rondi e l'incrocio con il sentiero 519. Pieghiamo verso destra e, quasi a mezza costa, proseguiamo con leggera pendenza verso alcune piccole guglie. Oltrepassato uno stretto valico, ci inoltriamo nel bosco e, con decisa salita, raggiungiamo il già visibile bivacco Testa, a quota 1490 metri di altitudine.

 

Contrariamente alla partenza, con sole caldo che permetteva di sfoggiare le prime magliette a maniche corte, l'arrivo al bivacco è sotto un'improvvisa ed abbondante nevicata. Fortunatamente l'accogliente riparo è corredato di quasi tutto il necessario: pentole, stoviglie, tè e caffè, zucchero, fornello a gas e stufa a legna (naturalmente avviata a fuoco vivo per quest'improvviso scampolo d'inverno). Per pernottare durante la notte è però necessario contattare il Sig. Camillo Rinaldi (tel. 035714877) del G.A.V. (Gruppo Alpinistico Vertovese).

La partenza dal bivacco, dopo il meritato pranzo al sacco, è ancora sotto un'abbondante nevicata e la discesa lungo il segnavia 530 CAI, che inizialmente si mantiene in quota, non mi permette raggiungere la vicina e ben visibile croce sulla vetta del monte Segredont: troppo scivoloso a causa della tanta neve scesa in poche ore. Si prosegue, ora perdendo quota con diversi tornanti, sino a raggiungere una zona con una baita ed alcuni roccoli. Poco oltre troviamo il passo Bliben. L'ideale sarebbe scendere seguendo le indicazioni per la Val Vertova, lungo il segnavia 529 CAI, e fare ritorno all'auto in circa due ore. Noi, sbagliando ed allungando di non poco la camminata, ci siamo mantenuti lungo il segnavia 530 sino a località Dasla. Successivamente abbiamo imboccato il sentiero 528 CAI e, prima di raggiungere il paese di Vertova, abbiamo tagliato attraverso alcuni campi giungendo in prossimità del Circolo della Valle e, quindi, il punto di partenza.

{mooblock=Cartina }

Val Vertova e bivacco Testa

{/mooblock}

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Note

I tempi di percorrenza sono indicativi e si riferiscono al percorso di ascesa.

Read 31688 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Bergamo, my city

  • Bergamo - Scaletta di via Paradiso +

    Bergamo - Scaletta di via Paradiso Ventotto scalini che “portano in paradiso”. Poi, l'ampio slargo contornato da muri a secco che cadono a fil di piombo Read More
  • Parco dei Colli - Valmarina +

    Parco dei Colli - Valmarina Proseguo il giro primaverile attraverso il parco dei Colli e riparto, lo avevo già fatto due anni fa in occasione Read More
  • Bergamo - Valverde +

    Bergamo - Valverde Dopo la rigogliosa Valle d’Astino, c’è un altro angolo verde che Bergamo Alta può vantare ed esibire ai turisti dell’Expo, Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Sentieri»Sulle Orobie»Val Vertova e Bivacco Testa

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie