Contrada Cacciamali

Contrada Cacciamali
Contrada Cacciamali

Nella panoramica contrada Cacciamali di Ardesio oggi non vi abita più nessuno. Ciononostante, non stiamo parlando di un borgo abbandonato e fatiscente, tutt’altro! Cacciamali è un agglomerato di poche case in pietra e legno, abbarbicato a quota 1100 metri sulle pendici del Monte Secco, che vive grazie alla presenza di alcuni villeggianti che la frequentano nel periodo estivo e che ne hanno ristrutturato abitazioni e stalle.

Raggiungere la contrada richiede mezz’ora di cammino ma la fatica vien subito ripagata dall’incantevole vista sulla Regina delle Orobie e dalla vicinanza, a pochi metri dall’abitato, di un’antica chiesetta la cui storia nasconde qualcosa di meraviglioso. Danneggiata nel 1994 da un’enorme macinio staccatosi dai costoni a monte della contrada, la chiesetta subì non pochi danni anche al suo interno. Accadde però che nel corso dei lavori di ricostruzione, parte dell’intonaco interno si staccò lasciando apparire magicamente alcuni affreschi del cinquecento, epoca in cui viene fatta risalire la costruzione del tempietto dedicato in origine a San Sebastiano e Santa Maria Bambina, e una scritta: “Immagine di S. Luzia F.F. dona Costela P. suo voto Costella di Zovan Antonio Cazzamali ottobre 1545” dalla quale è probabile l’origine del nome della contrada.

Gallery fotografica

 

Scheda sintetica

Data dell’escursione 12 Luglio 2012
Località di partenza Ardesio, contrada Cacciamali
Altitudine  1100 metri
Note Nessuna

 

Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *