Val Grande in autunno

Val Grande in autunno
Escursione tra i larici della Val Grande

Val Grande è certamente il nome più appropriato per definire questa meravigliosa vallata inserita nel Parco Nazionale dello Stelvio dove, nell’immensità della sua estensione e nella spettacolarità delle montagne circostanti, si alternano lo scrosciare fragoroso dell’omonimo torrente, che sinuoso discende tutta la vallata, ed il cavernoso bramito dei numerosi cervi che, proprio in questi luoghi, hanno trovato il loro habitat naturale.

A contornare tanta grandezza, solo il silenzio, i caldi colori dell’autunno e qualche baita che punteggia i ricchi pascoli alpini.

Descrizione del percorso

Itinerario conosciutissimo ma val sempre la pena ricordarlo: partenza dalla frazione Tu di Vezza d’Oglio dove, lasciata l’autovettura al termine della strada, imbocchiamo la pianeggiante sterrata che s’infila nel bellissimo e fitto bosco.

Dopo aver fiancheggiato diverse baite, il percorso procede in leggera discesa ed oltrepassa il ponte sul torrente; appena oltre, in corrispondenza del bivio sentieristico, pieghiamo nettamente a destra e risaliamo la ripida acciottolata che conduce sino alla località Le Roche, punto d’incrocio con la strada proveniente dalla frazione Grano.

La sterrata prosegue attenuando la propria pendenza e, superato l’agriturismo Val Grande, raggiunge un susseguirsi di piccole località alpine: Scudeler, Cuciarei, Case Tonale ed il bivio per Tremoncelli che lasceremo a sinistra.

Val Grande di Vezza d'Oglio
Escursione tra i larici della Val Grande: chiesetta di Caret

Raggiunta la storica chiesetta di Caret, possiamo proseguire diritti verso la Malga Val Grande, oppure, come ho fatto io in quest’escursione, abbandonare la sterrata e risalire a destra i ripidi versanti della montagna, almeno sino al limitare del bosco di larici, dove, facendo attenzione, è possibile scorgere da vicino gruppi di cervi al pascolo. Successivamente, dopo aver proseguito in quota verso la testata della vallata, scendiamo a valle nel punto più favorevole e raggiungiamo la sottostante Malga Val Grande. Da quest’ultima, il passo è breve: ancora una lieve pendenza e poi l’arrivo alla Capanna Saverio Occhi, a quota 2047 metri di altitudine.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Scarica
Scheda sintetica
Data dell’escursione 22 Ottobre 2016
Località di partenza Vezza d’Oglio, frazione Tu
Sentieri utilizzati Nr. 2
Tempi di percorrenza 3 ore circa
Altitudine massima 2047 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso Si
Note Eventuale appoggio alla Capanna Saverio Occhi
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!