La Corna Blacca, testimone del tempo

La Corna Blacca, testimone del tempo
Escursione sulla Corna Blacca in Val Trompia

C’è stato un tempo in cui la Corna Blacca è stata testimone muta degli eventi che caratterizzarono quel triste periodo storico dopo l’8 settembre quando, sui sentieri che sfiorano i suoi fianchi, si sono avvicendate le lotte della resistenza partigiana della Brigata Fiamme Verdi Giorgio Perlasca. Per quei motivi, fiera oggi esibisce sulla sua vetta il ricordo di quei giovani che diedero la vita in nome della Libertà.

Allora il nemico, seppur crudele, era comunque individuabile e quei partigiani hanno fatto il proprio dovere, non hanno avuto esitazioni ed hanno scelto da quale parte stareNon sono rimasti indifferenti.

Oggi, in quello che viene definito “tempo di pace”, la Corna Blacca è ancora lì, regina di quell’angolo alpestre tra la Val Trompia e la Val Sabbia, degna rappresentante di quelle piccole dolomiti bresciane tanto amate da noi escursionisti. Come allora muta testimone degli eventi storici, osserva fiera altri partigiani che tra le trincee delle corsie degli ospedali combattono oggi un nemico più subdolo ed invisibile. Anche quei partigiani hanno scelto da che parte stare, di fare il proprio dovere e di non restare indifferenti.

Corna Blacca - Facili roccette
Escursione sulla Corna Blacca in Valtrompia

In questo periodo non possiamo raggiungerla per vederla da vicino, per odorare i fiori che stanno colorando i sui versanti, per accarezzare la roccia che disegna il suo severo carattere. Anche noi siamo chiamati a fare il nostro dovere: #RESTAREACASA! Ma, statene certi, la Corna Blacca dalla sua vetta non smetterà di far sventolare quella bandiera della quale forse un po’ tutti in questo tempo di pace c’eravamo dimenticati. È la bandiera italiana, quella che tira fuori il meglio di noi nei momenti difficili, quella che ci rende orgogliosi di appartenere a questa grande nazione.

Descrizione del percorso

Partenza dal Passo Maniva dove, lasciata l’autovettura nell’ampio parcheggio vicino alla chiesetta Madonna delle 3 Valli, imbocchiamo l’omonima carrabile che passa sotto il Dosso Alto.

Dopo circa 15 minuti di facile e panoramica camminata, raggiunte le indicazioni sentieristiche al passo del Dosso Alto, seguiamo la direzione del passo Portole e della Corna Blacca.

Corna Blacca - Passo Tortole
Escursione sulla Corna Blacca – Passo del Dosso Alto

Raggiunta la Capanna Tita Secchi, imbocchiamo la breve discesa che costeggia il versante valsabbino del Corno Barzò per poi tornare sul versante triumplino in località Paio.

Il sentiero si fa ora pianeggiante e meno severo. Giunti al bivio tra la variante bassa del sentiero 3 Valli e quella alta che porta alla Corna Blacca, imbocchiamo quest’ultima ed iniziamo a salire.

Escursione sulla Corna Blacca - Sguardo verso la Val Sabbia
Escursione sulla Corna Blacca in Valtrompia

Giunti alla forcella che separa i Monti di Paio dalla Corna Blacca, possiamo scegliere se salire per la via diretta e ripida oppure, più comodamente, aggirare il monte sul versante ovest; imbocchiamo quest’ultima direzione e, passati sotto pareti rocciose e severe, raggiungiamo la deviazione che ci permette di impegnarci nelle prime facili roccette che ci avvicinano alla meta. Ancora pochi sforzi ed ecco raggiunti i 2004 metri di altitudine della Corna Blacca con il cippo in memoria dei caduti e a ricordo della Brigata partigiana Margheriti mentre, poco oltre, la croce di vetta.

Buon 25 aprile!

NB: Le fotografie si riferiscono all’escursione effettuata il 30 settembre 2016.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Download file: 20160930-corna-blacca.gpx
Scheda sintetica
Località di partenza Collio
Sentieri utilizzati 3 Valli
Tempi medi di percorrenza 3 ore circa
Altitudine raggiunta 2004 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E – EE
Note Tempi di percorrenza per il percorso di andata
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

2 pensieri su “La Corna Blacca, testimone del tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *