Monte Due Mani

Monte Due Mani
Escursione sul monte Due Mani

Erroneamente considerata una cima di second’ordine, a molti ancora poco conosciuta, la cima del Monte Due Mani non ha certo nulla da invidiare ai vicini e più celebri Resegone, Barro, Moregallo ed il gruppo delle Grigne. Anzi, tra questi vip della montagna, il monte Due Mani è un vero gioiello della natura che spicca per l’estensione panoramica offerta dalla sua vetta ma anche per la possibilità di effettuare un’escursione immersi nella natura incontaminata, o quasi, della bellissima Val Taleggio che poi, nell’ultimo tratto, quello che richiede un maggior impegno fisico, si inserisce in una zona più aspra e calcarea che a tratti ricorda morfologicamente la cresta frastagliata del Resegone con alcuni pinnacoli e guglie che ci riportano invece alla Grignetta. Sicuramente una montagna tutta da scoprire anche per le diverse vie di salita che spaziano dal comodo sentiero alla più impegnativa ferrata Simone Contessi.

Descrizione del percorso

Il percorso descritto in questa relazione ha come punto di partenza il suggestivo valico della Culmine San Pietro, a quota 1300 metri di altitudine, raggiungibile sia dalla Valsassina che dalla Val Taleggio lungo una stretta e tortuosa strada che certo non permette distrazioni. Parcheggiata l’auto imbocchiamo la comoda mulattiera che si addentra quasi pianeggiante nei rilassanti e verdi pascoli. La comoda camminata, a tratti anche in leggera discesa, ci consente di ammirare alcune delle principali vette che ci circondano: le Grigne, il Resegone e lo Zuccone Campelli.

Dopo circa mezz’ora, raggiungiamo una diramazione che dalla comoda mulattiera ci immette su un classico sentiero montano. Proseguiamo con maggiore pendenza seguendo le indicazioni per il Monte Due Mani sino a raggiungere il crinale prativo della Muschiada, a quota 1410 metri, sul quale spiccano alcuni piccoli cippi indicanti il confine tra la provincia di Lecco e di Bergamo. D’improvviso ecco apparire, In tutta la sua grandezza, la nostra meta.

Scendiamo leggermente di quota, passando attraverso un bel bosco di faggi, sino raggiungere una zona prativa e successivamente un incrocio di sentieri. Ci troviamo alla base del Monte Due Mani e ci aspetta ora la parte più impegnativa dell’escursione. Attraverso numerosi tornanti, che inizialmente si snodano nel rado bosco di faggi, risaliamo con fatica il versante est del Due Mani. Usciti allo scoperto rimane ancora un ultimo sforzo prima di raggiungere la cresta sommitale e quindi la croce di vetta, a quota 1656 metri di altitudine. La fatica è immediatamente ripagata dallo spettacolare panorama sulle vette del Resegone, delle Grigne e sull’alta Brianza con i suoi laghi, la zona del triangolo lariano, la Valsassina e lo Zuccone Campelli.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Non disponibile.
Scheda sintetica
Data dell’escursione 12 Novembre 2010
Località di partenza Cassina Valsassina, frazione di Culmine di San Pietro
Sentieri utilizzati Non indicato
Tempi di percorrenza 2 ore circa
Altitudine massima 1656 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso No
Note Nulla
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *