Cima Buldet

Cima Buldet
Cima Buldet

La cima Buldet, modesta montagna seriana sconosciuta a moltissimi escursionisti, anche bergamaschi, racchiude in sé il carattere del vero montanaro. Estranea e schiva, burbera e severa ma, in fondo, una volta conquistata, tanto generosa da regalarti il suo cuore.

Estranea e schiva a tal punto che, seppur s’innalzi ben visibile sopra l’abitato di Onore e quasi ti pare di toccarla tanto è vicina, è ben attenta, almeno nel primo tratto di avvicinamento, a nascondere ogni indizio utile che permetta di raggiungerla.

Burbera e severa perché quando s’accorge che l’escursionista non molla la presa, subito alza la posta in gioco e aumenta duramente la pendenza del sentiero che risale il suo versante più accessibile.

Infine, ma solo dopo tanta fatica, generosa da lasciarsi conquistare lietamente. Solo allora saprà regalarti il suo cuore consentendoti di ammirare, dalla sua alta croce di vetta, tutto lo spettacolo orobico che la circonda.

Descrizione del percorso

Partenza dallo chalet La Goccia di Onore dove, lasciata l’autovettura, imbocchiamo a sinistra la sterrata che volge verso l’azienda agricola Arec.

Il percorso segue fedelmente la sterrata che, con moderata salita, oltrepassata l’azienda agricola, piega leggermente verso destra per poi risalire, dritto per dritto, verso la meta di cima Buldet che ben visibile si alza davanti a noi nella sua informe mole verdeggiante.

Ad un certo punto la sterrata piega nettamente a destra ed oltrepassa quello che appare l’alveo di un fiume in secca, sino a raggiungere la baita Buldet.

Baita Buldet
Baita Buldet

Ora tutto cambia, sia l’ambiente che la pendenza del percorso ci lanciano in un altro mondo: imboccata la mulattiera a sinistra della baita Buldet la pendenza si fa tosta a tal punto da far stirare i muscoli dei polpacci mentre il respiro si fa sempre più affannoso. A mettere a dura prova l’escursionista c’è poi il terreno molto sdrucciolevole.

Risaliamo con fatica restando fortunatamente in una zona ombreggiata dalla boscaglia; in nostro aiuto arriva anche una ringhiera con scorrimano, molto utile anche nella discesa.

Cima Buldet
Cima Buldet

Raggiunto lo Stalì Buldet, proseguiamo verso destra ancora allietati dall’ultimo tratto di fitto bosco. Immediatamente dopo, alcuni stretti tornanti ci fanno ancora prendere quota e, lasciata alle spalle la boscaglia, ci proiettano in spazi a cielo aperto che ci consente di ammirare il bel panorama su Onore e l’alta Valle Seriana.

La salita non è finita, anzi, la pendenza aumenta ancora ed ora su tratti erbosi che un tempo erano pascolivi. Saliamo con fatica sino ai 1480 metri di altitudine dove, finalmente, la grande croce di vetta ci accoglie a braccia aperte e attorno ad essa possiamo quindi contemplare il bellissimo panorama orobico con la grandiosa Regina delle Orobie, la Presolana, che pare davvero vicinissima.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Download file: 20200807-cima buldet.gpx
Scheda sintetica
Località di partenza Onore, località chalet La Goccia
Sentieri utilizzati Non indicato
Tempi medi di percorrenza 2 ore circa
Altitudine raggiunta 1480 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E
Note Nulla
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!