Cima Papa Giovanni Paolo II e Monte Galline

Cima Papa Giovanni Paolo II e Monte Galline
Anello escursionistico Cima Giovanni Paolo II e monte Galline.

A scavalco tra Valle Seriana e Valle Brembana, tra la bolgia, poco raccomandata in questo periodo emergenziale, dell’Alpe Corte, da un lato, e quella delle Baite di Mezzeno, dal versante opposto, ricamo un percorso tutto, o quasi, in solitaria. Che botep!

Scarto i primi cinque escursionisti che mi anticipano e che si dirigono verso il Branchino; poco oltre, vengo raggiunto da altri tre che però, giunti al passo Laghi Gemelli, proseguono dritti verso il passo di Mezzeno. Ora, uno solo mi anticipa verso la vetta della Cima Papa Giovanni Paolo II ma non appena raggiungo la croce di vetta anche quest’ultimo si è volatilizzato.

In totale solitudine, raggiungo il monte delle Galline e proseguo, in compagnia solo del vento, la lunga e panoramica dorsale che scende al Passo di Marogella. Un ultimo ampio respiro, prima di tuffarmi, ancora una volta, nel trafficato sentiero che dall’Alpe Corte scende a Valcanale.

Descrizione del percorso

Partenza da Valcanale di Ardesio dove, lasciata l’autovettura, imbocchiamo il segnavia 220 CAI che, seguendo di pari passo la comoda strada bitumata, raggiunge il rifugio Alpe Corte in circa 40 minuti dalla partenza.

Proseguiamo lasciando alle spalle il rifugio alpino e, al successivo bivio sentieristico, prendiamo verso destra il segnavia 216 CAI che sale verso le baite Corte.

Il sentiero si alza sempre con moderata pendenza e fiancheggia il torrente Acqualina dopodichè, attraverso una breve serie di zig-zag, raggiunge il primo pianoro pascolivo ove sorge la Baita Corte di Mezzo, a 1669 metri di altitudine.

Una breve pausa ci consente di ammirare tutta la severa bastionata dolomitica che parte dal monte Secco seriano e raggiunge il Pizzo Arera. Spettacolare!

Cima Giovanni Paolo II e monte Galline
Anello escursionistico Cima Giovanni Paolo II e monte Galline: baita Corte di Mezzo

Riprendiamo il cammino e di conseguenza riprendiamo la salita. L’ambiente si fa pian piano più severo e d’alta montagna ma ben presto ecco raggiunto un secondo pianoro pascolivo ove sorge la Baita Corte Alta a quota 1885 metri di altitudine.

Continuiamo in costante salita. Pare che il Passo Laghi Gemelli sia inarrivabile. Nel frattempo, prendiamoci qualche bella pausa per ammirare il Pizzo Camilla e la lunga bastionata del monte Corte che chiudono la vallata alla nostra destra.

Il sentiero prosegue tra magri pascoli e roccette. Alcuni piccoli nevai non si arrendono all’imminente arrivo della stagione estiva ma sono facilmente bypassabili e poco ostili. Un ultimo sforzo ed ecco raggiunta la quota 2139 metri di altitudine del Passo Laghi Gemelli dal quale, finalmente, possiamo ammirare il panorama che spazia sul versante opposto della vallata, sui Laghi Gemelli, il Pizzo Becco e il monte Farno mentre alla nostra sinistra si alza la nostra prima meta: la Cima Papa Giovanni Paolo II.

Lasciato il Passo Laghi Gemelli alla nostra destra, proseguiamo lungo il sentiero che volge verso il Passo di Mezzeno. Ma, dopo poche decine di metri, abbandoniamolo per risalire a sinistra seguendo qualche ometto di pietra che segna la salita alla Cima Papa Giovanni Paolo II. Il percorso è comunque intuitivo e la meta è raggiunta in men che non si dica.

Cima Giovanni Paolo II e monte Galline
Anello escursionistico Cima Giovanni Paolo II e monte Galline: al passo Laghi Gemelli

Dalla Cima Papa Giovanni Paolo II, in realtà sulle carte è nominata come Cima di Mezzeno, la vista spazia a trecentosessanta gradi su gran parte delle Orobie: oltre al pizzo Becco e al monte Farno, spiccano ora il monte Spondone, il Monte del Tonale, il Pizzo Orobie ed il Pietra Quadra. Ma anche la nostra prossima meta, il Monte delle Galline, un’appendice rocciosa che si alza seguendo il filo di cresta che la collega alla Cima Papa Giovanni Paolo II.

Riprendiamo il cammino seguendo il filo di cresta ed in circa mezz’ora eccoci ai piedi del monte delle Galline. Non resta altro che prestare un poco di attenzione in più: la breve cresta ora si assottiglia un poco ma nulla di difficile ed in breve ecco raggiunta la quota 2131 metri di altitudine.

Cima Giovanni Paolo II e monte Galline
Anello escursionistico Cima Giovanni Paolo II e monte Galline: in vetta al Monte delle Galline

Il nostro anello prosegue ora verso il Passo di Marogella. Facciamo dietro front sino alla base del Monte delle Galline e prendiamo a sinistra un esile sentiero che passa ai piedi della nostra ultima meta. Molto facilmente si scende di quota lasciando alle spalle l’ambiente severo per quello più alpestre e pascolivo che circonda il Passo di Marogella.

La facile discesa segue grosso modo il crinale e facilmente raggiunge la quota 1873 del Passo di Marogella dal quale, con ripida discesa, si raggiunge nuovamente il rifugio Alpe Corte ed infine Valcanale di Ardesio.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Download file: 20200601-monte-galline.gpx
Scheda sintetica
Località di partenza Ardesio, località Valcanale
Sentieri utilizzati 220 216 CAI
Tempi medi di percorrenza 6 ore circa (ad anello)
Altitudine raggiunta 2230 metri (Cima Papa Giovanni Paolo II)
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà EE (escursionisti esperti)
Note Nulla
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!