Monte Venina e Monte Masoni

Monte Venina e Monte Masoni
Monte Venina e Monte Masoni

Un’escursione da non sottovalutare, almeno per quanto riguarda sviluppo e dislivello. A parte tutto ciò, l’assenza di particolari difficoltà tecniche permette di affrontare l’ascesa al Monte Venina e poi al Monte Masoni in tutta tranquillità, attraverso ampi spazi aperti, in una zona non certo frequentatissima. E’ un’escursione che regala una lunga e rilassante camminata; un salire senza fretta e senza pericoli che concede, quindi, la possibilità di contemplare pacificamente tutto il panorama circostante. Praticamente, un’escursione tutta da godere!

Descrizione del percorso

Il sentiero parte da Carona e segue di pari passo la mulattiera (cd. strada dell’Enel) che conduce ai Rifugi Calvi e Longo, ovvero il segnavia 210 CAI. Oltrepassato il caratteristico borgo di Pagliari e la spettacolare cascata di Valsambuzza, proseguiamo lungo questa comoda strada montana che pian piano si alza sino a raggiungere il bivio per il Rifugio Longo. Abbandonata la mulattiera, pieghiamo a sinistra imboccando il sentiero (segnavia 224 CAI) proprio in direzione del Rifugio F.lli Longo. Dopo un breve tratto nel fitto bosco, oltrepassato il Rifugio Baitone, il sentiero si innesta nella mulattiera che risale dal Lago del Prato. Seguiamola ancora in direzione del rifugio.

Poco prima di giungere al rifugio Longo, già ben visibile sotto l’imponente Monte Aga, imbocchiamo a sinistra il sentiero 254 CAI che risale i dolci declivi erbosi che discendono dal Monte Masoni e Venina. Con ampi zig-zag guadagniamo quota, sino a raggiungere la vecchia baita Masoni. Godendo del bellissimo panorama sui vicini Diavoli e le circostanti vette della conca del Calvi, ci alziamo pian piano attraverso questa ampia zona erbosa dove non sarà difficile scorgere qualche gruppo di camosci oppure, poco oltre, dove il sentiero oltrepassa qualche traverso roccioso, anche qualche gruppo di curiosi stambecchi.

Giunti in cresta, pieghiamo nettamente a sinistra percorrendola in lieve salita. Il versante opposto riserva uno spettacolo sulla zona valtellinese, sulle Alpi, i Pizzi Badile e Cengalo, il Disgrazia ed il gruppo Bernina, Ortles e Cevedale ma anche sull’ampia val Venina con l’omonimo lago e sulla Valle del Livrio con il grande Lago Publino. Continuando la salita, in breve raggiungiamo la cima del Monte Venina, a quota 2624 metri, sulla cui altura troviamo un classico omino di pietre. Continuiamo lungo la dorsale, discendendo per qualche metro sino ad un’ampia sella pietrosa. Risaliamo poi l’ultimo tratto che in pochi minuti ci permette di raggiungere la vetta del vicino Monte Masoni, a quota 2664, dove troviamo una piccola croce in legno. Anche in questo caso, l’ampia ed eccezionale panoramica spazia a trecentosessanta gradi sulle Alpi, la conca del Calvi e la zona dei Laghi Gemelli ma anche sulla sottostante val Sambuzza, con il bivacco Pedrinelli ed il Pizzo Zerna, poco oltre il Monte Chierico ed il Corno Stella.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Non disponibile.
Scheda sintetica
 

Data dell’escursione 18 Ottobre 2011
Località di partenza Carona, frazione Pagliari
Sentieri utilizzati 210 – 224 – 254 CAI
Tempi di percorrenza 3 ore e mezza circa
Altitudine massima 2663 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà EE (Escursionisti Esperti)
Acqua sul percorso Si
Note Nulla
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!