Pizzo Farno

Pizzo Farno
Pizzo Farno

Osservandola dal basso, in particolare dalla conca dei Laghi Gemelli o, meglio ancora, dal passo di Mezzeno, la vetta del Pizzo Farno ha una classica forma piramidale con quell’appuntita cima che pare riservare il posto solo a poche persone. Fortunatamente non è così e la facilità di raggiungere la vetta la rende una meta assai frequentata, non solo nella bella stagione ma anche nel periodo invernale.

Descrizione del percorso

Come per molte altre escursioni, il punto di partenza è la bella zona delle Baite di Mezzeno, raggiungibili salendo a Roncobello per poi salire oltre la frazione Capovalle. Parcheggiata l’autovettura, seguiamo fedelmente il sentiero 215 CAI che in circa un’oretta di facile camminata conduce sino al passo di Mezzeno, a quota 2142 metri.

Anziché proseguire lungo la discesa che in breve conduce all’accogliente Rifugio Laghi Gemelli, pieghiamo a destra e seguiamo il sentiero a mezza costa che, passando sotto la bastionata delle cime di Mezzeno, porta sino al vicino Passo Laghi Gemelli. La particolare forma piramidale del Pizzo Farno è già ben visibile mentre poco distante da noi svetta la parete nord del più impegnativo Monte Corte. Alzandoci un poco in direzione del Monte Corte dobbiamo seguire la traccia di sentiero ed alcuni pallini bianchi che indicano la via. Si tratta, infatti, di proseguire, quasi a mezza costa, lungo il ghiaione sottostante la parete nord del Monte Corte e dirigersi verso la visibile selletta, posta tra quest’ultimo e le pendici del Pizzo Farno, che altro non è che il passo di Val Sanguigno, a quota 2320 metri.

Raggiunto il panoramico Passo di Val Sanguigno, seguendo l’indicazione scritta su una roccia, risaliamo a sinistra la facile ma ripida dorsale erbosa che ci porta appena sotto la rocciosa vetta. Da qui, con il facile aiuto delle mani, possiamo risalire il tratto di facili roccette che adduce alla vetta oppure andare poco oltre il sentiero e scendere in un canalino roccioso che, molto più comodamente, porta alla vetta del Pizzo Farno, a quota 2506 metri di altitudine.

Grandioso è il panorama su tutte le orobie ed in particolare sulla vetta del Pizzo del Becco e del Lago Colombo, sul vicinissimo Monte Corte alle cui spalle si eleva maestosa la mole del Pizzo Arera. Ben visibile anche la regina delle orobie, la Presolana, ed il Monte Disgrazia. Sotto di noi il bacino dei Laghi Gemelli al quale fanno da contorno le vette del Monte Spondone, del Monte Tonale ed del Pizzo dell’Orto.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Non disponibile.
Scheda sintetica
Data dell’escursione 14 Ottobre 2010
Località di partenza Roncobello, baite di Mezzeno
Sentieri utilizzati 215 CAI
Tempi di percorrenza 3 ore circa
Altitudine massima 2506 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà EE (Escursionisti esperti)
Acqua sul percorso Si
Note Nulla

 

Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *