Monte Menna

Monte Menna
Monte Menna da Zorzone

Il Monte Menna: una possente muraglia dal sapore dolomitico, particolarmente importante dal punto di vista botanico con varietà floreali uniche al mondo, che, unitamente agli altri massicci riconducibili sotto la sigla M.A.G.A., ovvero l’Arera, il Grem e il Monte Alben, contornano imponenti la verdeggiante conca di Oltre il Colle, tra Valle Seriana e Valle Serina.

Descrizione del percorso

Uno degli accessi principali avviene dalla Frazione Zorzone, in Oltre il Colle, dove, lasciata l’autovettura lungo la via Monte Menna, imbocchiamo il sentiero 234 CAI, in corrispondenza della segnaletica su sfondo giallo, che, inizialmente ripido, conduce in un’ampia e bellissima faggeta. Poco oltre sbuchiamo lungo la sterrata che seguiremo sino a raggiungere un’ampia area delimitata da una sbarra. Superata quest’ultima, in corrispondenza di un cartello che fornisce indicazioni anche sulla poco distante cascina Mattuida, prendiamo a destra e, seguendo il sentiero che sale con diversi tornanti, ci immergiamo nella fitta pineta ricca di coloratissimi, ma sfortunatamente velenosi, funghi amanita.

Proseguendo lungo il sentiero, e lasciata l’area boschiva alle spalle, raggiungiamo i verdi pascoli della Val Carnera. Continuando in costante salita, attraverso un lungo sentiero che sale zigzagando, raggiungiamo il rifugio Gerolamo Palazzi di proprietà del gruppo M.A.G.A.

Lasciamo a sinistra il bivacco Palazzi e continuiamo lungo il sentiero, sempre ben segnalato, che, tra stelle alpine ed altri coloratissimi fiori, percorrendo la comoda cresta frastagliata, in circa mezz’ora ci conduce alla caratteristica croce posta sulla vetta della Cima Menna, a quota 2300 mt.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Non disponibile.
Scheda sintetica
Data dell’escursione 2 Ottobre 2009
Località di partenza Oltre il Colle, frazione Zorzone
Sentieri utilizzati 234 CAI
Tempi di percorrenza 3 ore circa
Altitudine massima 2300 metri
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà E (Escursionistico)
Acqua sul percorso Si
Note Nulla
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.