Ciaspolata sul Monte Sasna

Ciaspolata sul Monte Sasna
Ciaspolata Monte Sasna da Nona

Meta frequentatissima dagli appassionati di scialpinismo, il Monte Sasna, ammantato di neve, è una cima raggiungibile in tutta sicurezza e tranquillità anche da noi ciaspolatori che, in sintonia con la natura ed immersi nei silenzi tipici dell’inverno, possiamo poi godere degli ampi panorami sulle principali vette orobiche che riserva l’arrivo in vetta.

Descrizione del percorso

La ciaspolata ha inizio dal Passo della Manina, raggiungibile da Lizzola in circa un’oretta circa di camminata, oppure da Nona, frazione di Vilminore di Scalve, come qui narrato, lungo una piacevole salita di circa un’ora e mezza che, essendo esposta a sud, consente di beneficiare del tiepido sole invernale.

Giunti alla caratteristica cappella dedicata alla Beata Vergine Pellegrina, ubicata poco sopra il Passo della Manina, percorriamo ora la facile cresta che, posta a destra per chi proviene da Nona ed a sinistra per chi sale da Lizzola, prosegue in falsopiano per poi scendere leggermente. Risaliti nuovamente, raggiungiamo l’ampio dorso innevato sul quale, sicuramente, sono disegnate le inconfondibili scie lasciate dai numerosi scialpinisti scesi verso Lizzola. Al cospetto dei massicci del Redorta e del Pizzo Coca, posti alla nostra sinistra, risaliamo, zigzagando e con maggiore pendenza, il dorso della montagna sino a tornare nuovamente in cresta. Dopo alcuni saliscendi raggiungiamo l’anticima sulla quale svetta la prima croce metallica. Proseguiamo oltre ed in pochi minuti siamo in vetta, a quota 2229 mt., dove, oltre a trovare la seconda croce metallica, possiamo perderci nell’infinito panorama che si estende sulle più alte vette orobiche come il Pizzo del Diavolo di Tenda, il Pizzo Redorta, il Pizzo di Coca, il Pizzo del Diavolo, il Tre Confini, il Monte Gleno ed il Pizzo Tornello, nonché sul versante nord del Pizzo della Presolana ed il Monte Ferrante.

Gallery fotografica

Tracciato GPS
Non disponibile.
Scheda sintetica
Data dell’escursione 18 Gennaio 2010
Località di partenza Vilminore di Scalve, frazione Nona
Sentieri utilizzati 408 CAI
Tempi di percorrenza 3 ore e mezza circa (percorso di salita)
Altitudine massima 2229 metri
Attrezzatura Da escursionismo + ciaspole
Difficoltà EAI (Escursionismo in Ambiente Innevato)
Acqua sul percorso No
Note Nulla
Cristian

Cristian

Adoro la montagna, risalire lentamente i suoi ripidi versanti, percorrere quei tortuosi sentieri tra fitti boschi ed ampie distese prative. Adoro tutto ciò che l'avvolge e la rende speciale: curiosi animali e coloratissimi fiori, antichi borghi e cadenti cascine abbandonate, il soffio del vento che fischia ai valichi tanto quanto la neve che - candida - cade lentamente, un improvviso temporale tanto quanto l'alba ed il tramonto. Con la fotografia m'illudo di rubare l'emozione di quel momento vissuto sui monti, un'emozione che però porterò sempre con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.