Lunedì 16 Dicembre 2019
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Nella storia

Penso spesso a quanto sia importante il lavoro di quanti, volontariamente, spendono il proprio tempo libero per mantenere in ottimo stato sentieri, mulattiere e luoghi simbolo di particolari fatti avvenuti nel corso della storia e, quindi, permettono a noi oggi di riscoprirli e rinnovare la memoria. Sono questi i percorsi che parlano della Resistenza Partigiana, dei nostri Alpini e ricordano il triste periodo delle guerre mondiali, oppure sono percorsi ancor più remoti narrano di dispute confinali e battaglie per la conquista di territori

La battaglia di Pratolungo

  • Mercoledì, 20 Marzo 2013 23:00
  • Written by

La guerra di liberazione nella Valle Camonica vide come primo protagonista proprio il Popolo; quei semplici cittadini che già stremati ed impoveriti dalle conseguenze della Grande Guerra non poterono che aderire attivamente alle profonde ragioni dell’antifascismo. Ragioni dettate non solo da un’incompatibilità con la retorica del regime ma anche dalla concretezza insita proprio nel popolo camuno che, già avvezzo ad una quotidiana lotta per la sopravvivenza contro la povertà della terra e le avversità dei monti, si riscopre ispiratore di valori di libertà ed indipendenza. Furono queste le fondamenta che diedero vita a quell’esercito di “ribelli della montagna”, partigiani di aperta appartenenza cattolica, che confluirono nelle brigate delle Fiamme Verdi, così chiamate ispirandosi alle mostrine delle divise degli Alpini. Tra quei ribelli anche maestri e preti ma soprattutto militari, come il Colonnello Ferruccio Lorenzini.

Sentiero partigiano Angelo Gotti

  • Martedì, 19 Febbraio 2013 19:00
  • Written by

Valoroso combattente nella lotta di liberazione, distintosi fin dall’inizio per iniziativa, per capacità e per intrepido coraggio dimostrato in numerosi combattimenti, dopo 14 mesi di alacre attività, seriamente ferito, cadeva nelle mani de nemico. Orrendamente torturato, resisteva con sovrumana forza d’animo e intrepida fermezza, nulla rivelando. Sanguinante e mutilato di un occhio, veniva posto davanti al plotone di esecuzione; ma prima di cadere, con esemplare coraggio, rivendicava la sua appartenenza alla formazione Fiamme Verdi e la sua fedeltà alla Patria. Cascina Como, in Valle Imagna, 23 novembre 1944.

Sentiero naturalistico Leonardo

  • Martedì, 12 Febbraio 2013 23:00
  • Written by

Lasciata alle spalle la città, col primo sole del mattino che illumina la dolce dorsale del parco dei Colli e la “semper belaCittà Alta, m’immergo nella fitta nebbia di periferia che non mollerà mai un attimo. Sono pochi minuti di viaggio quelli che mi trasportano sino a Villa d’Adda, in via Al Porto, nell’anno 1500. La nebbia, che sino a quel momento pensavo non potesse giovare a questa facile passeggiata, ha invece reso l’atmosfera ancor più particolare catapultandomi nel passato, al tempo del Grande Leonardo e del traghetto del quale gli viene attribuita l’invenzione.

Nella storia HITS

Bergamo, my city

  • Bergamo - Scaletta Santa Lucia Vecchia +

    Bergamo - Scaletta Santa Lucia Vecchia Parte subito gradinata l'antica Scaletta di Santa Lucia Vecchia e, dalla omonima rotatoria che ne segna l'inizio, sormonta la fresca Read More
  • Bergamo - Scaletta di via Paradiso +

    Bergamo - Scaletta di via Paradiso Ventotto scalini che “portano in paradiso”. Poi, l'ampio slargo contornato da muri a secco che cadono a fil di piombo Read More
  • Parco dei Colli - Città Alta +

    Parco dei Colli - Città Alta Imboccata la via Bartolomeo Colleoni, una stretta via animata di negozi e botteghe, giungiamo sino a piazza Vecchia definita dal Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...