Domenica 25 Febbraio 2018
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sui monti con uno zaino

Clanezzo - Put che bala

  • Giovedì, 12 Gennaio 2012 23:00
  • Written by  Cristian
Clanezzo - Ponte di Attone Clanezzo - Ponte di Attone

Se percorri in auto la provinciale che da Villa d’Almè porta verso l’alta Valle Brembana, dell’abitato di Clanezzo, dell’antico ponte di Attone e del sospeso “put che bala”, neppure te ne accorgi. Eppure, un tempo assai lontano, quest’angolo naturale dove al fiume Brembo confluisce il torrente Imagna era ritenuto un privilegiato punto strategico, un’area di confine tra la Valle Imagna e la Valle Brembana dalla quale mantenere il dominio sul traffico commerciale e, per tal motivo un'area contesa e difesa nel tempo.

La storia

Clanezzo, terra di confine dunque. Un tempo era proprio così, territorio di estrema frontiera tra la Val Brembana e la Vall'Imagna, tra il fiume Brembo ed il torrente Imagna. Territorio di contese. Ma come in una bella fiaba, dove l'isolamento non giova a nessuno, il lieto fine è assicurato: un ponte di collegamento, quello di Attone, fatto costruire dal tale Attone a quei tempi proprietario di quelle terre, e del “put che bala”, uno dei primissimi realizzati con la tecnica delle funi portanti ancorate sulle due rive, sigilla il collegamento tra gli stati belligeranti. Tra l'abitato e la riva brembana, il “porto di Clanezzo”, con il suo “portolano”, al quale attraccava il traghetto che faceva la spola tra le due rive del fiume Brembo trasportando merci e persone. Importante via di comunicazione con l'orografica riva sinistra dove scorreva la strada di collegamento della Valle Brembana con la città di BergamoTraghetto e ponte, due facce della stessa medaglia, che purtroppo entrarono in conflitto. Una disputa che si risolse a favore del ponte, ancor oggi esistente e attraverso il quale, con un po' d'immaginazione, possiamo, attraversandolo, fare un passo indietro nel tempo.

{mooblock=Informazioni sintetiche }

Data dell'escursione 13 Gennaio 2012
Località di partenza Clanezzo
Sentieri utilizzati Non classificato
Tempi di percorrenza 1 ora circa
Altitudine massima Non indicato
Attrezzatura Da escursionismo
Difficoltà T (Turistico)
Acqua sul percorso
Note Nessuna

{/mooblock}

Descrizione itinerario

Per visitare i luoghi attorno al Porto di Clanezzo, il "put che bala" e l'antico ponte di Attone occorre raggiungere l'abitato di Ubiale - Clanezzo e parcheggiare nei presso del Castello. Difronte a quest'ultimo diparte un percorso in discesa che conduce a quegli antichi luoghi ancora mantenuti in ottimo stato.

{mooblock=Cartina }

Pizzo Recastello

{/mooblock}

{mooblock=Album fotografico }

{/mooblock}

Read 5736 times

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Bergamo, my city

  • Citta' Alta in una notte di fine estate +

    Citta' Alta in una notte di fine estate Una notte di fine estate. Le vie del centro sono letteralmente invase dal mare di persone che avanza e balla Read More
  • Parco dei Colli - Valle di Astino +

    Parco dei Colli - Valle di Astino Primavera, tempo del risveglio e stagione della rinascita. E' sempre l'occasione per scoprire, e riscoprire, deliziosi scorci naturali sui sentieri Read More
  • Parco dei Colli - Via Alle Case Moroni +

    Parco dei Colli - Via Alle Case Moroni Il punto di partenza di questo piacevole itinerario è la chiesetta cinquecentesca di San Sebastiano all’altezza dello slargo con via Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Commenti

Ti trovi in...

You are here:Percorsi»Nella storia»Clanezzo - Put che bala

I cookie permettono di offrire i servizi proposti dal sito cristianriva.it Cliccando su "Accetta e prosegui", l'utente acconsente di utilizzare i cookie